Racconta in famiglia di essere gay: “Sono stato aggredito da mio zio con una bombola di gas”


Racconta in famiglia di essere gay: “Sono stato aggredito da mio zio con una bombola di gas”


Giacomo, un ragazzo di Levane – in provincia di Arezzo -ha raccontato di essere stato insultato e aggradito dai suoi familiari – sua madre e soprattutto suo zio – dopo aver confidato la sua omosessualità: “Sono stato offeso, preso a calci e pugni e aggredito con una bombola del gas. Mia madre mi ha tolto le chiavi di casa, mio zio ha distrutto il computer dove tenevo tutti gli appunti dell’università”.
Continua a leggere


Giacomo, un ragazzo di Levane – in provincia di Arezzo -ha raccontato di essere stato insultato e aggradito dai suoi familiari – sua madre e soprattutto suo zio – dopo aver confidato la sua omosessualità: “Sono stato offeso, preso a calci e pugni e aggredito con una bombola del gas. Mia madre mi ha tolto le chiavi di casa, mio zio ha distrutto il computer dove tenevo tutti gli appunti dell’università”.
Continua a leggere

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here