Luca Ventre morto nell’ambasciata italiana in Uruguay: “È stato soffocato”. Indagato medico legale


Luca Ventre morto nell’ambasciata italiana in Uruguay: “È stato soffocato”. Indagato medico legale


Luca Ventre, il 35enne ucciso il 1 gennaio presso l’ambasciata italiana in Uruguay, sarebbe morto per soffocamento. Il poliziotto uruguaiano ora accusato di omicidio preterintenzionale avrebbe immobilizzato il 35enne con una manovra di judo che punta al soffocamento simile a quella operata su George Floyd. Si indaga ora anche sul medico legale di Montevideo che non avrebbe effettuato tutte le analisi del caso durante l’autopsia.
Continua a leggere


Luca Ventre, il 35enne ucciso il 1 gennaio presso l’ambasciata italiana in Uruguay, sarebbe morto per soffocamento. Il poliziotto uruguaiano ora accusato di omicidio preterintenzionale avrebbe immobilizzato il 35enne con una manovra di judo che punta al soffocamento simile a quella operata su George Floyd. Si indaga ora anche sul medico legale di Montevideo che non avrebbe effettuato tutte le analisi del caso durante l’autopsia.
Continua a leggere

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here