GoFundMe “assolve” Malika Chalhy: “Legittimo acquistare quello di cui ritenesse avere bisogno”


GoFundMe “assolve” Malika Chalhy: “Legittimo acquistare quello di cui ritenesse avere bisogno”


Elisa Liberatori Finocchiaro, direttrice di GoFundMe in Europa, sulla vicenda di Malika Chalhy e sulle polemiche scoppiate nei giorni scorsi sugli acquisti effettuati con i soldi raccolti sulla piattaforma: “Chi ha donato lo ha fatto consapevole del fatto che quel denaro sarebbe servito a Malika per comprare quello di cui ritenesse avere bisogno. Gli organizzatori hanno chiarito che i fondi sarebbero serviti a permettere alla ragazza di rifarsi una vita: questo è legittimo e rispetta i nostri termini di servizio”.
Continua a leggere


Elisa Liberatori Finocchiaro, direttrice di GoFundMe in Europa, sulla vicenda di Malika Chalhy e sulle polemiche scoppiate nei giorni scorsi sugli acquisti effettuati con i soldi raccolti sulla piattaforma: “Chi ha donato lo ha fatto consapevole del fatto che quel denaro sarebbe servito a Malika per comprare quello di cui ritenesse avere bisogno. Gli organizzatori hanno chiarito che i fondi sarebbero serviti a permettere alla ragazza di rifarsi una vita: questo è legittimo e rispetta i nostri termini di servizio”.
Continua a leggere

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here