“Cibo scadente e poca pulizia. È come una prigione”: un italiano al Covid hotel da incubo a Maiorca


“Cibo scadente e poca pulizia. È come una prigione”: un italiano al Covid hotel da incubo a Maiorca


Francesco Marano ha 30 anni e fa l’agente di commercio a Maiorca, in Spagna. Un paio di settimane fa, un tampone ha accertato la sua positività al Covid-19. Un’ambulanza è andata a prenderlo nella casa che condivide con altri inquilini e l’ha portato al Covid hotel dell’isola. Lì ha trascorso nove giorni, prima di essere lasciato libero di andare via. “Eravamo 250, io praticamente non riuscivo a mangiare nulla – racconta a Fanpage.it – Quando mi hanno fatto uscire, non mi hanno fatto né un tampone né mi hanno consegnato un certificato”. Le immagini mostrano frutta avariata servita ai pasti e cibo passato tra le stanze tramite lenzuola annodate e calate giù dai balconi.
Continua a leggere


Francesco Marano ha 30 anni e fa l’agente di commercio a Maiorca, in Spagna. Un paio di settimane fa, un tampone ha accertato la sua positività al Covid-19. Un’ambulanza è andata a prenderlo nella casa che condivide con altri inquilini e l’ha portato al Covid hotel dell’isola. Lì ha trascorso nove giorni, prima di essere lasciato libero di andare via. “Eravamo 250, io praticamente non riuscivo a mangiare nulla – racconta a Fanpage.it – Quando mi hanno fatto uscire, non mi hanno fatto né un tampone né mi hanno consegnato un certificato”. Le immagini mostrano frutta avariata servita ai pasti e cibo passato tra le stanze tramite lenzuola annodate e calate giù dai balconi.
Continua a leggere

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here