La strage di Alcamo Marina e la storia di Giuseppe Gulotta: 22 anni in carcere da innocente

La strage di Alcamo Marina e la storia di Giuseppe Gulotta: 22 anni in carcere da innocente


Ha trascorso 22 anni in carcere da innocente Giuseppe Gulotta, che nel 1976 fu arrestato con l’accusa di essere l’autore della strage di Alcamo Marina, dove due carabinieri, Carmine Apuzzo e Salvatore Falcetta, furono trucidati a colpi d’arma da fuoco. La notte del suo arresto in seguito a torture e percosse per mano dei militari confessò. Nel 2010 in seguito alla confessione di un ex brigadiere Gulotta ha potuto richiedere un nuovo processo conclusosi con la sua assoluzione e quella degli altri tre imputati condannati con lui per quel duplice omicidio. In un’intervista rilasciata a Corsera, l’uomo, oggi 64enne, ripercorre la sua storia ricordando il terrore di quella notte e la vita che non ha potuto vivere: “Ventidue anni che ho regalato allo Stato. Ho perduto il mio tempo migliore. Avevo diciotto anni, ero un ragazzo. Quando sono stato assolto ne avevo cinquantacinque. Una vita spezzata a metà”.
Continua a leggere


Ha trascorso 22 anni in carcere da innocente Giuseppe Gulotta, che nel 1976 fu arrestato con l’accusa di essere l’autore della strage di Alcamo Marina, dove due carabinieri, Carmine Apuzzo e Salvatore Falcetta, furono trucidati a colpi d’arma da fuoco. La notte del suo arresto in seguito a torture e percosse per mano dei militari confessò. Nel 2010 in seguito alla confessione di un ex brigadiere Gulotta ha potuto richiedere un nuovo processo conclusosi con la sua assoluzione e quella degli altri tre imputati condannati con lui per quel duplice omicidio. In un’intervista rilasciata a Corsera, l’uomo, oggi 64enne, ripercorre la sua storia ricordando il terrore di quella notte e la vita che non ha potuto vivere: “Ventidue anni che ho regalato allo Stato. Ho perduto il mio tempo migliore. Avevo diciotto anni, ero un ragazzo. Quando sono stato assolto ne avevo cinquantacinque. Una vita spezzata a metà”.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here