Bologna, la ex Saeco Caffe delocalizza, 220 lavoratori a rischio: “Non si tratta così la gente”

Bologna, la ex Saeco Caffe delocalizza, 220 lavoratori a rischio: “Non si tratta così la gente”


Presidio permanente davanti ai cancelli dello stabilimento di Gaggio Montano dopo la volontà comunicata dalla multinazionale Evoca, proprietaria del sito, di chiudere e delocalizzare in Lombardia e all’estero. L’80% dei lavoratori sono donne e quasi tutti hanno figli a carico. “Si devono vergognare” dicono i dipendenti, che continueranno il presidio a oltranza, visto anche il nulla di fatto dopo il tavolo in Regione. “È l’ennesima multinazionale che arriva, fa sciacallaggio in questo territorio e poi va via” sottolinea il rappresentante della Fiom.
Continua a leggere


Presidio permanente davanti ai cancelli dello stabilimento di Gaggio Montano dopo la volontà comunicata dalla multinazionale Evoca, proprietaria del sito, di chiudere e delocalizzare in Lombardia e all’estero. L’80% dei lavoratori sono donne e quasi tutti hanno figli a carico. “Si devono vergognare” dicono i dipendenti, che continueranno il presidio a oltranza, visto anche il nulla di fatto dopo il tavolo in Regione. “È l’ennesima multinazionale che arriva, fa sciacallaggio in questo territorio e poi va via” sottolinea il rappresentante della Fiom.
Continua a leggere

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here