Eventi Roma, daSud: Iodice, Punzo, Scalera e Virzì al Festival Mauro Rostagno per un week end di diritti in scena

Davide Iodice, Armando Punzo, Vanessa Scalera e Paolo Virzì. Sono tra i volti e i nomi illustri della scena teatrale e cinematografica italiana che spiccano all’interno del ricco parterre di ospiti del Festival Mauro Rostagno: la rassegna teatrale promossa e organizzata da Associazione daSud e Compagnia Ragli che, al suo primo anno di vita e con il contributo del Ministero della Cultura, porta i diritti in scena fino al 24 novembre in due teatri della periferia di Roma. 

Partito da meno di una settimana, il Festival ha infatti in programma al Teatro Biblioteca Quarticciolo e negli spazi di ÀP Teatro a Cinecittà-Don Bosco, non solo un’ampia proposta di spettacoli, ma anche un pomeriggio di incontri con ospiti d’eccezione e un fine settimana all’insegna di un Premio intitolato a Mauro Rostagno che vede sei compagnie in gara per aggiudicarsi un contributo concreto di 1000 euro. 

Per gli appassionati di editoria indipendente e di teatro sociale, sono due gli appuntamenti assolutamente da non perdere. Entrambi calendarizzati al 19 novembre negli spazi del Teatro Biblioteca Quarticciolo, vedranno alle ore 17 la presentazione della collana editoriale “La scena di Ildegarda” diretta da Vincenza Costantino e Donata Chiricò. Si tratta della collana di studi edita dai tipi di Edizioni Narranti che raccoglie e dà spazio a saggi e testi teatrali che affondano le loro radici nella gloriosa tradizione della riflessione filosofica e drammaturgica. A discutere con le due condirettrici di editoria, filosofie e teatri nel Contemporaneo ci saranno il docente e drammaturgo Marcello Walter Bruno e la critica teatrale Rossella Menna. 

Alle ore 19 sarà invece la volta di scritture e pratiche a confronto con i registi e drammaturghi Davide Iodice e Armando Punzo, protagonisti insieme alla critica teatrale Mariateresa Surianello dell’incontro Il teatro al tempo di maleducare. Conversazioni dentro e fuori la scena. Entrambi amati e stimati registi e drammaturghi, Iodice e Punzo sono noti anche per il loro impegno in esperienze sociali e scelte culturali che li qualificano anche come importanti pedagoghi. Da un lato, “La Scuola elementare del Teatro”, il progetto di pedagogia sociale in cui è coinvolto Iodice, che offre opportunità di inclusione e di crescita personale ai più svantaggiati e che vive negli spazi dell’ex Asilo Filangieri di Napoli, riattivati da una comunità di lavoratori e lavoratrici dell’arte, della cultura e dello spettacolo. Dall’altro, l’esperienza degli spettacoli di strada con cui Punzo ha iniziato e l’attività teatrale che ancora oggi svolge con i detenuti nel carcere di Volterra, dove nel 1988 ha fondato la Compagnia della Fortezza.

È invece il volto televisivo del momento e i più forse la conoscono come la Imma Tataranni dell’omonima fiction di successo targata Rai. Si tratta dell’attrice Vanessa Scalera e il 20 e 21 novembre, ad ÀP Teatro, in occasione del Festival Mauro Rostagno, smetterà i panni del sostituto procuratore dalla memoria prodigiosa per calarsi in un altro ruolo altrettanto importante. A lei infatti il compito di presiedere i lavori della giuria della terza edizione del Premio Mauro Rostagno: il concorso a sostegno della produzione artistica teatrale che, partito a inizio ottobre scorso, giunge ora a conclusione con sei opere finaliste e l’elezione dello spettacolo vincitore che si aggiudicherà un contributo concreto di 1000 euro. La cerimonia di premiazione è fissata al 21 novembre e alle ore 20 vedrà intervenire un altro volto illustre: Paolo Virzì. Amato e stimato regista, in uscita prossimamente con il suo ultimo film “Siccità”, sarà lui a ricordare la figura, il lavoro e l’impegno politico e civile di Mauro Rostagno. 

Per maggiori informazioni su programma, biglietti e prenotazioni: 

https://www.apaccademia.it/2021/10/20/festival-mauro-rostagno-il-programma/ 

L’articolo Eventi Roma, daSud: Iodice, Punzo, Scalera e Virzì al Festival Mauro Rostagno per un week end di diritti in scena proviene da Viva il teatro.



Fonte:Viva il teatro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here