Massimo Melis ucciso a Torino, il presunto killer Gino Oste non risponde. “Al bar chiedeva del delitto”


Massimo Melis ucciso a Torino, il presunto killer Gino Oste non risponde. “Al bar chiedeva del delitto”


Luigi Gino Oste è sempre rimasto nel bar L’Angelo Azzurro a Torino. Da qui cercava di carpire dagli avventori del locale le informazioni che le forze dell’ordine avevano raccolto sull’omicidio di Massimo Melis, il 52enne ucciso nella notte di Halloween. L’uomo è stato fermato per la morte dell’autista della Croce Verde: Oste corteggiava da tempo l’amica della vittima.
Continua a leggere


Luigi Gino Oste è sempre rimasto nel bar L’Angelo Azzurro a Torino. Da qui cercava di carpire dagli avventori del locale le informazioni che le forze dell’ordine avevano raccolto sull’omicidio di Massimo Melis, il 52enne ucciso nella notte di Halloween. L’uomo è stato fermato per la morte dell’autista della Croce Verde: Oste corteggiava da tempo l’amica della vittima.
Continua a leggere

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here