“Chissà perché quel giorno non uscì mio cognato”, le inquietanti lettere dal carcere di Alberto Scagni

“Chissà perché quel giorno non uscì mio cognato”, le inquietanti lettere dal carcere di Alberto Scagni


Le inquietanti comunicazioni, scritte dopo gli incontri con la psicologa del carcere di Marassi, da Alberto Scagni, l’uomo che raggiunse sotto casa la sorella Alice Scagni uccidendola con 24 coltellate.
Continua a leggere


Le inquietanti comunicazioni, scritte dopo gli incontri con la psicologa del carcere di Marassi, da Alberto Scagni, l’uomo che raggiunse sotto casa la sorella Alice Scagni uccidendola con 24 coltellate.
Continua a leggere

Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here