Musei, dal primo luglio pagheranno tutti gli over 25

Dal primo luglio, tutti gli over 25 per accedere ai musei dovranno pagare il biglietto. Una decisione che mira a rendere più equa la gratuità dell’accesso ai siti di maggiore interesse nazionale. Il tutto per evitare che facoltosi turisti stranieri oltre i 65 anni non paghino il biglietto, come avviene ancora oggi. La gratuità, invece, sarà estesa fino ai 18 anni e per alcune categorie specifiche, vedi gli insegnanti. Previste inoltre riduzioni fino ai 25. Il decreto, inoltre, sancisce che per ogni museo sia stabilito un giorno al mese per l’accesso gratuito: il suddetto sarà la prima domenica di ogni mese. Ma non finisce qui: sempre attraverso il decreto che entrerà in vigore il primo luglio, dovranno essere previste due notti al museo con ingresso simbolico fissato ad 1 euro ogni anno. Tutti i grandi musei, invece, dovranno rimanere aperti fino alle 22 tutti i venerdì.

“Questo intervento sugli orari e sulle tariffe”, ha spiegato il ministro, “si somma agli altri significativi provvedimenti che il governo sta mettendo in campo per valorizzare il sistema museale italiano: dalla recente norma dell’Art Bonus, fino alla nuove modalità di trasferimento delle risorse derivanti dagli incassi dei musei”. “Con queste misure” – ha voluto sottolineare Franceschini – “ci mettiamo in linea con l’Unione europea”.

“Si tratta di piccoli passi in avanti ma che vanno nella direzione giusta. Il grande lavoro che resta da fare è quello di porre fine alla stagione dei tagli alla cultura, passando ad una nuova stagione di investimenti”, ha infine concluso il ministro.

Roma, 20 giugno


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here