Udine, domiciliari all’assassino di Nadia. La famiglia: “Pugno nello stomaco”



Il tribunale ha disposto i domiciliari a casa dei genitori per Francesco Mazzega, il trentaseienne friulano che lo scorso 31 luglio si è costituito dopo aver ucciso la fidanzata Nadia Orlando. A giustificare la discussione che ha sconvolto i genitori della vittima e fatto discutere la comunità locale, il rischio di atti autolesionistici.
Continua a leggere


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here